Torna alla homepage | Vai alla sezione IL PARCO | Vai alla sezione I LUOGHI | Vai alla sezione LA SCUOLA NEL PARCO | Vai alla sezione COMMUNITY

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Numeri utili

  • Comuni di:
    Villacidro
    Arbus
    Buggerru
    Fluminimaggiore
    Guspini
    San Gavino Monreale


    tel. 347 9170196
    info@parcodessi.it
  • Logo della Regione Sardegna
    POR Sardegna 2000-2006
  • Logo della Comunità Europea
    Progetto cofinanziato dalla U.E. - Fondo FESR
Home - Schedario - San Gavino Monreale: Chiesa di Santa Croce

San Gavino Monreale: Chiesa di Santa Croce

Esterno della chiesa di Santa CroceL’edificazione della chiesa si fa risalire al XVI secolo, tempo in cui nasce la Confraternita di Santa Croce, la più antica di San Gavino, che svolgeva attività religiose quali la partecipazione ai funerali, alle processioni e, come privilegio, alla sacra rappresentazione della deposizione del Cristo.

Di impianto semplice, con una sola navata, coperta da volta a botte sostenuta da archi, la piccola chiesetta ospita da secoli, ogni anno,  i riti della Settimana Santa e della Pasqua.

Al suo interno sono custodite opere di pregio, tra cui un crocefisso ligneo dipinto, della scuola sarda della metà del XVII secolo; la statua della Madonna della Pietà, realizzata nel 1818 dal Canu e la statua di San Sisinnio, con in mano una cavalletta, risalente al XVII secolo e di autore ignoto.

Probabilmente il simulacro del Santo, assai caro ai Villacidresi che gli dedicano da secoli imponenti festeggiamenti, fu portata a San Gavino da un devoto.

Portone della chiesa di Santa CroceDal 1745, durante i riti pasquali, il grande crocefisso in ginepro viene utilizzato per celebrare l’antico rito de Su Scravamentu (la deposizione del Cristo dalla croce) ed è da Santa Croce che il Cristo risorto si appresta all’incontro con la Madonna la mattina di Pasqua.

Le attività della Confraternita fino a non molti anni fa erano rendicontate su appositi registri, attualmente consultabili, da uno dei confratelli, su clavariu, che custodiva le chiavi della cassa della confraternita, con l’aiuto de su casceri e de s’obreri.