Torna alla homepage | Vai alla sezione IL PARCO | Vai alla sezione I LUOGHI | Vai alla sezione LA SCUOLA NEL PARCO | Vai alla sezione COMMUNITY

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Numeri utili

  • Comuni di:
    Villacidro
    Arbus
    Buggerru
    Fluminimaggiore
    Guspini
    San Gavino Monreale


    tel. 347 9170196
    info@parcodessi.it
  • Logo della Regione Sardegna
    POR Sardegna 2000-2006
  • Logo della Comunità Europea
    Progetto cofinanziato dalla U.E. - Fondo FESR
Home - Schedario - Villacidro: Chiesa di Santa Barbara, XIII sec

Villacidro: Chiesa di Santa Barbara, XIII sec

Altare della chiesa di Santa BarbaraÈ la prima e la più antica delle chiese di Villacidro. Edificata in stile gotico-aragonese su un precedente impianto romanico, la parrocchiale dedicata a Santa Barbara ha subito, nel tempo, diversi interventi di ristrutturazione. I più importanti  furono la costruzione della navata centrale e delle cappelle, posteriore sicuramente al 1420, l’edificazione del campanile, che fu costruito su pianta quadrata dal 1640 al 1668 e che verrà poi arricchito con l’aggiunta di un cupolino ravvivato da tegole smaltate disposte a forma di ventaglio, e la sostituzione della copertura lignea con una volta a botte in muratura, risalente agli anni 1776-1780. Il risultato dei vari interventi è una chiesa che, oggi, presenta una navata centrale con volta a botte e cappelle laterali intercomunicanti.

Nel XVIII secolo, sotto l’influenza barocca, con un intervento di Domenico e Michelino Spazzi e di Domenico Franco, la chiesa fu arricchita di opere come l’altare maggiore in marmo policromo intarsiato e la scalinata d’accesso al presbiterio, anch’essa di marmo.

Al 1871 risalgono il fonte battesimale e il pulpito, ancora in marmo policromo. Di particolare interesse è il settecentesco organo a canne, recentemente restaurato.

Parole d’autore

"…Quelle grida acute di ragazzi e quelle strida di passeri erano il primo segno della notte, a cui seguivano dal campanile della chiesa di Santa Barbara i rintocchi dell’Ave Maria. " (Giuseppe Dessì - Paese d’ombre)