Torna alla homepage | Vai alla sezione IL PARCO | Vai alla sezione I LUOGHI | Vai alla sezione LA SCUOLA NEL PARCO | Vai alla sezione COMMUNITY

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Numeri utili

  • Comuni di:
    Villacidro
    Arbus
    Buggerru
    Fluminimaggiore
    Guspini
    San Gavino Monreale


    tel. 347 9170196
    info@parcodessi.it
  • Logo della Regione Sardegna
    POR Sardegna 2000-2006
  • Logo della Comunità Europea
    Progetto cofinanziato dalla U.E. - Fondo FESR
Home - La scuola nel parco - E-Learning - Collegamenti disciplinari - Contestualizzazione storica

Collegamenti disciplinari

Contestualizzazione storica

Nessi con la storia della Sardegna:

  • sia in Paese d’ombre che ne Il disertore, Dessì si scaglia con forza contro la Legge delle chiudende che venne imposta dai Savoia in Sardegna nel 1820, imponendo una forzosa proprietà privata e depauperando ulteriormente i ceti meno abbienti di pastori e allevatori, non più usufruttuari delle terre in comune; si crea implicitamente un legame fra questi eventi e l’insorgere della piaga del banditismo;
  • ancora in Paese d’ombre è presente il tema dello sfruttamento praticamente coloniale dell’isola da parte dei piemontesi, attraverso il disboscamento e la speculazione sulle miniere affidato a società senza scrupoli, multinazionali in nuce;
  • in particolare, sempre in Paese d’ombre, si segnala la ricostruzione della repressione dei moti di Buggerru del 1904, attraverso cui si può fare allusione alle lotte operaie nell’isola;
  • facendo riferimento all’ambientazione storica de I passeri, si può trattare l’argomento della ritirata pressoché pacifica delle truppe tedesche dalla Sardegna nel 1943 e la successiva occupazione delle forze alleate degli anglo-americani nel corso della Seconda guerra mondiale.

Nessi con la storia italiana ed europea:

  • soprattutto in Paese d’ombre Dessì menziona le negative conseguenze della piemontesizzazione, cioè la forzata imposizione del modello piemontese sull’intero territorio dell’Italia postunitaria: la coscrizione obbligatoria, l’inasprimento fiscale, tra cui la famigerata tassa sul macinato, e il focatico; inoltre le disgraziate spedizioni coloniali che non regalarono certo all’Italia il prestigio sperato e l’insorgere del brigantaggio;
  • attraverso alcune vicende di Paese d’ombre, si può ricostruire la storia del movimento operaio in Italia e del primo sciopero generale del 1904, effettuato dopo i fatti di Buggerru;
  • la vicenda de Il disertore si svolge sullo sfondo di importanti eventi storici: la Prima guerra mondiale, i problemi connessi con il doloroso rientro dei reduci e il verificarsi di agitazioni sociali nel periodo del cosiddetto “biennio rosso”; inoltre, il diffondersi del nazionalismo, la formazione dei fasci di combattimento e le avvisaglie dell’avvento del fascismo;
  • la vicenda de I passeri, si svolge nel 1944, all’indomani dell’ignominioso armistizio dell’8 settembre 1943; l’argomento si presta a riferimenti inerenti alla Seconda guerra mondiale, in particolare al periodo dello sbarco anglo-americano in Sicilia, all’occupazione nazifascista della Repubblica di Salò.