Torna alla homepage | Vai alla sezione IL PARCO | Vai alla sezione I LUOGHI | Vai alla sezione LA SCUOLA NEL PARCO | Vai alla sezione COMMUNITY

Salta la barra di navigazione e vai ai contenuti

Numeri utili

  • Comuni di:
    Villacidro
    Arbus
    Buggerru
    Fluminimaggiore
    Guspini
    San Gavino Monreale


    tel. 347 9170196
    info@parcodessi.it
  • Logo della Regione Sardegna
    POR Sardegna 2000-2006
  • Logo della Comunità Europea
    Progetto cofinanziato dalla U.E. - Fondo FESR

Elenco tavole

Daniele Mocci - San Gavino Monreale, 1970. Autore e sceneggiatore
Nel 1997 è tra i fondatori dell'Ass. Culturale Chine Vaganti e della rivista Macchie d'Inchiostro. Con Luca Usai crea una miriade di personaggi "a fumetti", tra cui Super Pro (pubblicato in Italia da Gaghi Editrice, Milano) e Lo straniero senza nome (Fumo di China e Chine Vaganti). Nel 2003 è tra i fondatori della Pseudo Compagnia Teatrale Burrumballà. Dal 2005 vive a Milano dove lavora come autore di fumetto, teatro e pubblicità. Nel 2006 scrive e dirige un "sequel teatrale" del celebre Assassinio sul Nilo, messo in scena a bordo di una nave da crociera... sul Nilo!

Luca Usai - Guspini, 1977. Disegnatore, illustratore
Nel 1998 entra nell'Ass. Culturale Chine Vaganti e nello staff della rivista Macchie d'Inchiostro. Con Daniele Mocci dà vita a numerosi progetti fumettistici: Super Pro (Gaghi Editrice, Milano), Lo straniero senza nome (Fumo di China e Chine Vaganti) e tanti altri. Con Janas Technology realizza brevi corti animati e strisce interattive per cd multimediali e internet. Dal 2005, con lo studio Red Whale (Roma), fa l'illustratore per svariate collane parallele alla serie Geronimo Stilton (Piemme, Milano). Dal 2006 vive a Milano dove frequenta un corso all'Accademia Disney, e lavora come disegnatore.

Contenuti

4 Settembre nasce per il sito internet del Parco Letterario Giuseppe Dessì (www.parcodessi.it).

La richiesta originaria era quella di riportare, in una storia a fumetti, l’episodio dell’eccidio di Buggerru (1904) così come Dessì l’aveva raccontato nel suo celebre romanzo Paese d’Ombre.

Nel fumetto, lo sceneggiatore Daniele Mocci, pur restando fedele al testo di Dessì, offre una libera interpretazione di come lo scrittore villacidrese avrebbe raccolto le testimonianze che lo hanno portato a inserire i fatti di Buggerru nel suo romanzo. Il risultato è una storia elegiaca, dove il dramma di un uomo si fonde con i sogni innocenti di sua figlia, permeandosi di quella atavica patina di fatalismo che ha spesso caratterizzato il comune sentire delle genti semplici della Sardegna.

Rispetto al testo di Dessì, nel racconto a fumetti la prospettiva è ribaltata. Sante Follesa, spogliato del suo nome e delle sue gesta romanzesche, resta un “normale” rappresentante dei minatori. Chi ci conduce nel cuore degli avvenimenti è la figlia del minatore Felice Littera: un personaggio femminile che nel romanzo non ha né nome, né sesso (è solo, genericamente, uno dei suoi tre figli), e che, in queste dieci tavole, trova paradossalmente una dimensione reale proprio quando svanisce nell’ombra dell’oblio, insieme a tutto ciò che la circonda.

L’utilizzo di due distinti piani temporali, consente a Daniele Mocci di coinvolgere lo stesso Dessì nel racconto. Non inganni l’apparente passività del personaggio Dessì. Lo scrittore sembra un testimone immobile del racconto della donna; in realtà è la molla che consente alla figlia di Felice Littera di consegnare alla storia (o, meglio, alla letteratura) la sua voce. Una voce rimasta muta per tanto tempo e dimenticata anche dagli abitanti di Buggerru, come capiamo dalle parole del vecchio all’inizio del fumetto. Ma anche, paradosso nel paradosso, una voce probabilmente destinata anch’essa a svanire. Infatti, nella scena finale, come avranno notato gli occhi più attenti, la stessa figura di Giuseppe Dessì comincia a perdere la sua consistenza e a diventare ombra come tutto il resto.

Il disegnatore Luca Usai sceglie un segno drammatico ed essenziale, e sottolinea, con un uso attento del colore e delle ombre, l’evanescenza delle vicende e dei personaggi. Quasi a ribadire, anche in un episodio così emblematico per la storia del movimento operaio non solo sardo, ma anche nazionale, la tendenza tipica degli uomini semplici, o dei semplici uomini, a svanire nei meandri della memoria e, quindi, della storia.

Alcune precisazioni per chi non conoscesse i procedimenti di realizzazione di un fumetto.
Come è stata realizzata la storia a fumetti 4 Settembre? E, più in generale, come si fanno i fumetti?
Dopo aver scritto un “soggetto” (breve testo in cui si racconta la trama della storia) lo sceneggiatore passa alla stesura della sceneggiatura. Questa consiste nella suddivisione/scomposizione in scene del soggetto e nell’indicazione, per ogni pagina (“tavola”), di ciò che il disegnatore dovrà disegnare nelle varie vignette: personaggi, oggetti, sfondi, dialoghi e didascalie. Nella sceneggiatura sono presenti anche precise note di regia (le inquadrature con cui si riprendono i personaggi e/o gli ambienti: primi piani, campi medi, campi lunghi, viste dal basso, dall’alto, ecc.). Il disegnatore, letta la sceneggiatura, passa alla realizzazione delle tavole con un processo che segue queste fasi: studio degli spazi ed eventuale storyboard; disegno a matita; inchiostrazione; colore. Al termine del lavoro del disegnatore, le “parti scritte” (dialoghi, didascalie, note, ecc.) previste dalla sceneggiatura, vengono inserite all’interno dei “balloon” (nuvolette), con un procedimento che viene chiamato “lettering”.